Salta il contenuto
Rivestire un vecchio pouf: ridare vita a tessuti e imbottiture

Rivestire un vecchio pouf: ridare vita a tessuti e imbottiture

Sappiamo quanto la moda dei pouf imbottiti ha spopolato dagli anni Sessanta in poi, diventando un elemento importante nell'arredo interni.

Un complemento spesso esibito in salotto, ma nel tempo anche negli spazi esterni grazie ai materiali impermeabili. Quando si ha in casa un vecchio pouf o poltrona sacco ci si accorge, ad un certo punto, della necessità di restaurarlo. Perché proprio per la sua funzionalità accogliente e morbida, il pouf viene “strapazzato” a dovere nel tempo.

Quando arriva il momento di farlo ritornare alla sua forma originale, come si fa?

Ridare vita a quel pouf speciale...

Nella scelta di questo elemento, spesso si sceglie secondo i propri gusti dato che i pouf rappresenta uno spazio di libertà nell'arredo. Si può acquistare una grande poltrona sacco confortevole, un piccolo pouf rotondo per i bambini oppure un cubo quadrato come pouf contenitore.

Avalon ricarica polistirolo per poltrone a sacco perle EPS PRO Quality →

I colori variano tra tante tonalità, così come i tessuti: ogni stile e design è possibile, e per questo il proprio pouf si considera una scelta “speciale”.

Oltre alla forma, il rivestimento è un elemento che fa la differenza, e per questo diventa essenziale ridare nuova vita al vecchio pouf cambiando la fodera.

Potrai scegliere il rivestimento adeguato, evitando di sbagliare tessuti o misure con il fai-da-te.

Su Avalon le fodere o sacche esterne vuote del pouf, sono disponibili in tanti colori, stili e misure. Puoi sostituire il rivestimento cambiando colore della poltrona sacco, anche in funzione magari di un nuovo arredamento.

Potrai acquistare solo la fodera, se vuoi cambiare colore e l'imbottito è integro.
Se desideri solo riempire il tuo vecchio pouf e ridargli forma, puoi acquistare l'imbottitura in polistirolo per sostituirla all'interno.

Ricorda, quindi: nel sistema dei cuscini o pouf, sono presenti una sacca interna e una sacca esterna.

Se vuoi dare nuova vita al vecchio pouf, puoi:

  • ripristinare ogni elemento: tutte e due le sacche e il polistirolo;

  • scegliere solo la fodera esterna

  • scegliere la fodera interna piena

  • acquistare solo le microsfere di polistirolo.

Scegliere il tessuto di rivestimento per il pouf

Spesso si predilige tessuto tecnico impermeabile, oppure un rivestimento con materiali innovativi.

Spesso i copri pouf per i salotti, per le poltrone sacco più eleganti, sono pensati con materiali come la similpelle, l'ecopelle o il tessuto microfibra vellutato.

Quelli per esterni richiedono tessuti resistenti all'acqua (idrorepellenti) e ai raggi solari. I tessuti antistrappo sono quelli più richiesti per gli ambienti, sia interni che esterni – oltre che per pouf poggiapiedi, cuscini per bambini, etc.

Oltre al materiale, la scelta del colore è fondamentale per crere un connubio adeguato all'ambiente in cui la seduta si inserisce. A volte, dare nuova vita ad un pouf vecchio significa cambiargli destinazione.

Se prima il pouf era solo usato negli interni, quindi con un valore estetico importante con l'arredo, magari si può pensare ad un tessuto impermeabile se la nuova casa ha un giardino; oppure quando si sceglie di tenerlo in esterno, in terrazzo o nel cortile.

Nel primo caso il rivestimento in ecopelle o microfibra diventa il più suggestivo, con finiture eleganti per salotti o living room, camere e camerette. Nel secondo caso il valore pratico è fondamentale, quindi il tessuto tecnico diventa imprescindibile.

Restaurare un poggiapiedi con il nuovo copri pouf

Anche il pouf quadrato o rotondo, piccolo e funzionale al relax, può essere sfoderato e rivestito con una nuova fodera.

In questo caso, si deve tenere conto dell'utilizzo continuo e logorante del rivestimento, quindi spesso è utile la formula con doppio sacco. Si riveste il polistirolo con una fodera interna sfoderabile, in modo che quella esterna si potrà facilmente lavare in lavatrice.

Prendere le misure della fodera e del pouf

Per effettuare un “restauro” a regola d'arte servono, quindi, materiali giusti per l'imbottito e il rivestimento, ma soprattutto le misure originali.

Se vuoi ripristinarlo nella forma iniziale, devi prendere con il metro da sartoria le misure dei lati del pouf. Devi misurare con attenzione, prendere i centimetri correttamente per le dimensione esatte della sacca interna ed esterna, se ce ne sono due.

Per prendere le misure precise del pouf, devi valutare tutte le dimensioni.

  • Altezza del pouf: metti il metro ad un centimetro dal pavimento, e misura in centimetri fino alla cucitura superiore.

  • Larghezza: si deve valutare con il metro la distanza tra le cuciture laterali, per il copri pouf quadrato; quando il pouf è rettangolare, si devono misurare i due lati (corto e lungo).

  • Diametro dei pouf rotondi: il cilindro va misurato posizionando il metro sulla parte superiore, estendendolo da una cucitura all'altra estremità, passando per il centro.

Quando le misurazioni sono esatte, si deve comunque valutare una piccola tolleranza per la creazione del rivestimento, in modo che non sia troppo aderente. Al contrario, quando si rischiano misure superiori e quindi l'imbottitura con il polistirolo potrebbe essere troppo scarsa.

Materiali per restaurare il vecchio pouf

Come accennato, Avalon fornisce sia il polistirolo per riempire i pouf che il pouf vuoto da riempire. Avrai tutti i materiali utili a ripristinare il pouf, magari con un nuovo colore vista l'ampia selezione di tinte disponibili.

Le poltrone sacco, cuscini e pouf che ne derivano saranno sicuramente un complemento di stile e comodità, pensato anche con misure adatte ai bambini. La chiusura a doppia (cerniera + nastro con strappo in velcro), garantisce anche la sicurezza per i bimbi.

Il cuscino piccolo ha misure di altezza 135 cm, larghezza 90 cm e profondità 25 cm. Nel caso di pouf più grandi, puoi acquistare rivestimenti con misure 200 x 140 x 32.

L'imbottito viene creato con sfere di polistirolo EPS PRO QUALITY. 100% poliestere Made in Italy in grado di acquisire la forma di chi si siede: un materiale ergonomico.

Qualche consiglio per la manutenzione di pouf e poltrone sacco

Prima di arrivare a sostituirlo, è bene comprendere come curare questi complementi d'arredo. Uno degli aspetti più importanti è mantenerli in forma, nel vero senso della parola: che conservino l'aspetto iniziale e rimangano comodi!

Un pouf va tenuto lontano dalla deformazione o dalle rotture, ed è bene sapere che non può sostenere per anni salti e scuotimenti, senza arrivare al punto di dover ripristinare l'imbottitura.

Attenzione ai tagli e alle incisioni di chiavi, penne, oggetti appuntiti. La perforazione dei pouf può creare dei danni ai tessuti, che andranno sostituiti o ricuciti a regola d'arte, quando si tratta di pouf artigianali.

È bene comunque tenere lontana la polvere dalle poltrone sacco, una parte essenziale della manutenzione per evitare che si logorino i tessuti. Ogni tanto date una scrollata o una passata leggera di acqua al pouf, e magari copritelo quando non lo usate.
Chi ama rilassarsi sul pouf a fine giornata, o farci giocare bambini e animali domestici, sappia che il sudore può danneggiare il tessuto, quindi è bene passare l'acqua velocemente dopo. Se possibile è utile tenere i vestiti addosso, ma certo è difficile se si tratta di un pouf da giardino e bordo piscina!

Potrebbero interessarti anche